Tesi: la voce di chi ascolta la violenza

Paolo Troilo

Sempre più frequentemente l’Associazione LUI viene contattata da laureandi, laureande, che stanno formulando la loro tesi, per intervistarci su alcuni temi che trattiamo all’interno dell’Associazione.

E’ un’esperienza che ci gratifica molto, che ci fa molto piacere  per diversi motivi:

  • ci fa sperare in un mondo migliore, in chi ci contatta;
  • i lavori che vengono realizzati sono molto interessanti;
  • anche in Italia si lavora sul maschile, adottando una visione di genere.

 

Come Associazione abbiamo quindi pensato, cosa buona e giusta, rendere merito ai laureandi, alle laureande che ci contattano chiedendo loro, se lo desiderano, una volta terminato il loro elaborato, previa autorizzazione  pubblicare online le loro tesi.

Questo per dare loro una vetrina, rendere omaggio al loro sforzo ma anche per iniziare a costruire un archivio aggiornato dei lavori che vengono realizzati sul maschile.

Pertanto in questo articolo trovate la tesi della Dott.ssa Denise Ferrazzi, la quale la ringraziamo per aver pensato a noi e a cui facciamo in nostri migliori auguri di buon lavoro.

ABSTRACT:

This research intends to explore coping strategies and emotions of psychologists and therapists who work with offenders. This is a qualitative research and the instrument is a semi-structured call interview. The sample is composed of 11 subjects, male and females from north, centre and south of Italy. Participants work with violent and sex offenders in various organizations.

The macro objective is to understand sampling’s emotions, coping strategies, causes and manifestations of stress revealed by operators. Furthermore, we explore personal skills, resources and the way subjects perceive their workplace.

The research concentrates on three main topics: emotions of those who work with offenders; negative and positive strategies used during stressful situations; and the force of positive coping strategies.

Results reveal that participants perceive their work environment as difficult and stimulant one at the same time. Difficult because of the contact with offenders and organizational problems, and stimulant because it is a dynamic and challenging activity.

Most frequently described emotions are anger and frustration and it was stated the importance of personal supervision and continuous education to help to deal with stress and to prevent burnout.Ferrazzi.Denise.TesiMagistrale

Immagine: Paolo Troilo

Potrebbero interessarti

Alda_Merini
25 Novembre 2019

25/11/2019

Oggi è la Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne, un giorno importante per tutto il mondo. Una giornata istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, una giornata simbolo in cui l’Assemblea invita i governi, le organizzazioni internazionali e le ONG a organizzare attività volte a sensibilizzare l’opinione...

the-group-gq-november-2019-02
9 Gennaio 2020

Gruppo di Autocoscienza Maschile

Alcuni giorni fa, l’Associazione LUI, è stata contattata da un giornalista, di una importante rivista, perché interessato a saperne di più, in merito ai Gruppi di Autocoscienza Maschile che tanto si stanno tanto diffondendo in America. Per il momento non ci permettiamo di divulgare il nome del giornalista e...

365giornialfemminile-862×485
11 Giugno 2019

Conferenza Conclusiva del Progetto Erasmus +

L’Associazione 365GIORNIalfemminile Onlus organizza la Conferenza conclusiva del progetto Erasmus+: “Scambio di buone pratiche per il conseguimento un modello pedagogico e culturale per combattere la violenza contro le donne” – Partenariato strategico Erasmus+ KA2 in ambito Educazione degli Adulti Giovedì 6 giugno, dalle 9.00 alle 13.00 Sala Storica delle Terme...