Tesi: la voce di chi ascolta la violenza

Paolo Troilo

Sempre più frequentemente l’Associazione LUI viene contattata da laureandi, laureande, che stanno formulando la loro tesi, per intervistarci su alcuni temi che trattiamo all’interno dell’Associazione.

E’ un’esperienza che ci gratifica molto, che ci fa molto piacere  per diversi motivi:

  • ci fa sperare in un mondo migliore, in chi ci contatta;
  • i lavori che vengono realizzati sono molto interessanti;
  • anche in Italia si lavora sul maschile, adottando una visione di genere.

 

Come Associazione abbiamo quindi pensato, cosa buona e giusta, rendere merito ai laureandi, alle laureande che ci contattano chiedendo loro, se lo desiderano, una volta terminato il loro elaborato, previa autorizzazione  pubblicare online le loro tesi.

Questo per dare loro una vetrina, rendere omaggio al loro sforzo ma anche per iniziare a costruire un archivio aggiornato dei lavori che vengono realizzati sul maschile.

Pertanto in questo articolo trovate la tesi della Dott.ssa Denise Ferrazzi, la quale la ringraziamo per aver pensato a noi e a cui facciamo in nostri migliori auguri di buon lavoro.

ABSTRACT:

This research intends to explore coping strategies and emotions of psychologists and therapists who work with offenders. This is a qualitative research and the instrument is a semi-structured call interview. The sample is composed of 11 subjects, male and females from north, centre and south of Italy. Participants work with violent and sex offenders in various organizations.

The macro objective is to understand sampling’s emotions, coping strategies, causes and manifestations of stress revealed by operators. Furthermore, we explore personal skills, resources and the way subjects perceive their workplace.

The research concentrates on three main topics: emotions of those who work with offenders; negative and positive strategies used during stressful situations; and the force of positive coping strategies.

Results reveal that participants perceive their work environment as difficult and stimulant one at the same time. Difficult because of the contact with offenders and organizational problems, and stimulant because it is a dynamic and challenging activity.

Most frequently described emotions are anger and frustration and it was stated the importance of personal supervision and continuous education to help to deal with stress and to prevent burnout.Ferrazzi.Denise.TesiMagistrale

Immagine: Paolo Troilo

Potrebbero interessarti

donne-violenza-cdh-accaparlante-bologna
12 Novembre 2019

VOCI DI DONNE: disabilità e violenza di genere

Domenica 24 Novembre 2019 presso l’Oratorio del Giglio a Montevarchi (AR), l’Associazione LUI è invitata a prendere parte all’iniziativa. Programma: Ore 16.00 Saluti di apertura e presentazione delle Associazioni proponenti il progetto: Azienda Usl Toscana sud est, Cesvot, Conferenza Zonale Sindaci del Valdarno, Comune di Montevarchi Ivana Cannoni, Presidente...

Andre Agassi
23 Marzo 2020

Andre Agassi Open La mia storia

In questo periodo, di Covid-19, ho avuto la “fortuna” di dedicarmi un po’ a me e a quello che a me piace, come per esempio la lettura. Tra i diversi libri che ho letto e che sto leggendo, c’è uno che da diversi anni rimandavo sempre: “Andre Agassi Open...

La Principessa che credeva nelle favole
2 Marzo 2020

La Principessa che credeva nelle favole

Durante una psicoterapia, una paziente mi ha parlato di questo libro: “La Principessa che credeva nelle favole – come liberarsi del proprio principe azzurro” di Marcia Grad Power edito da Pickwick. Il modo in cui me ne parlava ha destato il mio interesse, ho pensato che potesse fare al...